Parliamo ora di vari piatti che sono rimasti nella tradizione e qualche volta capita che vengano serviti.

Vari tipi di timballi rifiniti al forno (ricette di famiglia)

Il gattò di ricotta: diverso dal gattò napoletano; il nostro contiene ricotta, salame fresco di S. Angelo di Brolo, ragusano e patate; il tutto a strati.
I timballi di riso: con bianco (besciamella), o rosso (sugo di pomodoro), o tutte e due; diversi e certamente più ricchi del Sartù napoletano.
I timballi di riso allo zafferano con crostacei e pesce vario.
Il timballo di riso in cassa di melanzane (prevalentemente di pesce)
Con pasta frolla (‘700) o brisé(‘800):
Timballi di pasta rossi o bianchi
Timballo di anolini alla palermitana
Impanata di pescespada
Il pasticcio di sustanza (con solo carne bianche e quinto quarto)
Il pasticcio di anguille o di baccalà e patate, o di broccoli, o di ricotta e salsiccia
Il pasticcio di Natale (ragù di maiale con salsiccia, maccheroni (fatti in casa), cime di cavolfiori, ricotta e ragusano)
Svariate paste al forno: la messinese Pasta “’ncaciata” (per fusione da cacio e cassa) è la più conosciuta, ma anche gli Sciabbò al ragù (lasagne ricce)
Couscous: alla trapanese (21 tipi di pesce) o dello stretto (carni miste); con verdure, carni miste, pesci vari (anche di acqua dolce), crostacei e frutti di mare

Antipasti e tornagusti

Arancini di riso (con ragù e piselli, con bianco e altro)
Ramacchè
Tabaccheri chini e Polpette di melanzana
Insalata cavalera (pesce e verdura fresca)
Insalata d’arance e finocchi (con mandorle nella versione aristocratica)
Insalata di portogalli (arance) o di verdelli (limoni)
Funghi al marsala
Melanzane alla Parmigiana (e non parmigiana di melanzane!)
Caponate

Primi bagnati:

Milinfanti (couscous incocciato con uova e non acqua)
Patrinnostri ‘nto brodo di pàuro (mezzemaniche larghe)
Suscello (a Pasqua)
Minestrone del giovedì grasso
Suppa ‘ndurata e Brodo di piccione con i fidelini

Primi secchi:

Agnolotti siciliani (agnillini ‘o sucu)
Maccheroni ragguagliati (da ragù in forma pseudo-italiana)
Oricchi di Judeu
Papardeddi cu sugu di caccia
Pasta alla cardinali
Tagghiarini d’a ‘loria (sabato santo)
Sciabbò cu vinu cottu e nuci (lasagne ricce)
Pasta c’anciova e ca muddica
Pasta a picchipacchiu
Pasta alla Norma
Pasta con le sarde

Pesce:

Anguilla in brouet (brudacchiata)
Baccalaru o Piscistoccu a ghiotta
Polpette di nunnata
Alalonga cu sammurigghiu rossu
Aguglia imperiale e Costardelle fritte
Ricciola alla saracena o al cartoccio
Braciolettine di pescespada alla messinese (famose quelle del ristorante Nunnari!)
Dentice al forno con brodo di carne
Sarago in crosta di pane
Dentice ripieno con salsa di gamberi
Surici russi fritti

Carni

Gran ragù delle feste
Anitra reale al marsala
Beccaccini con melagrana
Braciolettine alla messinese (sempre Nunnari!)
Capretto a suscello e Capretto ripieno
Coniglio alla portoghese (perché marinato nel Porto) e alla siciliana
Braciole di maiale ripiene
Falsomagro
Badduzzi ‘nto sucu a ragù
Tacchino ripieno
Galletti alla Cagliostro e Pernici in casseruola

Uova

Frittata siciliana (con albume montato)
Uova nere (dette dopo Tutankamen)

Salse

Salsa San Bernardo (agrodolce con cioccolato)
Salsa piccante di gamberi
Salsa d’arance (calda, simile alla maltese)
Salsa di uova di riccio e aragosta
Salsa normanna (funghi e frutti di mare)
Salsa picchi-pacchio all’agrodolce
Salsa d’uova per lessi, Vellutata al Marsala e Salsa verde
Scurdalia (salsa dell’oblio; per pesce)

Dolci

Cannoli, Cassata barocca o al forno o gelata
Pasta a ventu (Varva di San Binidittu – Barba di San Benedetto)
Pignolata, Ravioli dolci, Capelli d’angelo
Torrone gelato, Agnello pasquale o coricato, Stella di Natale
Vari biscotti fallici (anzichenò) e Minni di Vergine
Frutta Martorana e pasta reale (altro nome della Martorana)
Pasta di garofano (Ossa dei Morti)
Gelati, spongati, spumoni e granite
Torroni e biscotti
Geli (gelatine) con vari gusti (di Mellone il più conosciuto)

L’elenco è minimale e di sicuro non esaustivo: ogni volta che lo rileggo mi vengono in mente altre pietanze.
Lo lascio così, quindi, riservandomi di creare in un altro momento un elenco più completo.

Inizio

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento